1.5: Gli operatori logici e di confronto in Java

Condividi su:

Dopo gli operatori aritmetici, è la volta di quelli logici o booleani e quelli di confronto. Questi aprono ad una marea di possibilità che diverranno chiare con i prossimi articoli.




Gli operatori logici

Gli operatori logici servono ad instaurare delle relazioni tra tra due proposizioni (booleane) e ne generano una terza, che avrà valore vero o falso (quindi anch’essa booleana) in base al valore delle due proposizioni e all’operatore utilizzato. Esiste anche un operatore che valuta una sola proposizione.
Vediamo quali sono:

OperatoreDescrizioneEspressioneValore restituito
&&ANDpreposizione1 && preposizione2true se entrambe le preposizioni sono sono vere, altrimenti false, cioè se una delle due o entrambe sono false
||ORpreposizione1 || preposizione2 true quando almeno una delle due preposizioni è vera o lo sono entrambe, false se sono entrambe false
!NOT! preposizione false se la preposizione è vera, true se la preposizione è falsa

Gli operatori di confronto

Passiamo ora agli operatori di confronto. Questi, come gli operatori logici, restituiscono un valore booleano, cioè true o false. Però, piuttosto che instaurare relazioni tra preposizioni, confrontano due valori. Osserviamoli e vediamo come operano:

OperatoreDescrizioneEspressioneValore restituito
>maggiore divar1 > var2true se “var1” è strettamente maggiore di “var2”, altrimenti false
>=maggiore o uguale divar1 >= var2true se “var1” è maggiore o uguale di “var2”, altrimenti false
<minore divar1 < var2true se “var1” è strettamente minore di “var2”, altrimenti false
<=minore o uguale divar1 <= var2true se “var1” è minore o uguale di “var2”, altrimenti false
==ugualevar1 == var2true se “var1” e “var2” sono uguali, altrimenti false
!=diversovar1 != var2 true se “var1” e “var2” sono diversi, altrimenti false

N.B.: l’operatore di uguaglianza è ==, poiché = viene utilizzato per l’assegnazione.

Un esempio pratico

Essendo le tabelle abbastanza esplicative, rivediamo il tutto con un esempio riepilogativo per illustrarne l’uso. Con l’introduzione del primo costrutto, nel prossimo articolo, si apprezzeranno le potenzialità che offrono questi operatori:

esempio operatori logici e confronto

In questo esempio non si fa nulla di speciale, semplicemente si visualizza il risultato delle operazioni logiche o di confronto. Ora, però, è chiaro l’uso di questi operatori all’interno del codice e si può notare che si possono usare anche in combinazione tra loro.



Col prossimo articolo verrà introdotto il secondo costrutto fondamentale, che darà anche molta utilità agli operatori qui descritti. Il primo costrutto non è stato illustrato, ma è venuto fuori da sé, poiché si tratta semplicemente della sequenza di istruzioni.

Condividi su:

label, ,

About the author